Due ali per un sogno – Antonio Fedrigoni

Due ali per un sogno

DUE ALI PER UN SOGNO, il nuovo libro di Antonio Fedrigoni.

Due ali per un sogno è l’ultima pubblicazione di Officina Grafica Edizioni. 
È l’ultimo libro scritto da Antonio Fedrigoni  codice isbn 978-88-99278-434.
In questo racconto, vengono ricordate le numerose difficoltà che dovette affrontare la costruzione di un aereo, il Luton Major avvenuta al quinto piano di uno stabile nel centro storico di Verona e in un vicino garage preso in affitto.
Il 2 febbraio 1973, dopo sei anni di lavoro, il Luton Major ha spiccato il suo primo volo.

Due ali per un sogno è corredato da molte foto illustrate a colori.

All’epoca della costruzione le autorità aeronautiche italiane non contemplavano l’esistenza di un velivolo, che non avesse avuto origine in un’officina autorizzata.
In Svizzera invece erano già entrati in vigore regolamenti per la costruzione, cosiddetta “amatoriale”.
Perciò si rese necessario procedere al lavoro sotto la sorveglianza dell’Ufficio Federale dell’Aria e poi trasportare in Svizzera tutte le singole parti per l’assemblaggio e i collaudi finali.
La storia di questo velivolo comprende anche un resoconto dei principali trasferimenti in Svizzera, Italia, Francia e Inghilterra, dove si è svolta la sua attività per un totale di circa mille ore di volo.“

Chi è l’Autore
Antonio Fedrigoni, laureato in economia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, ex dirigente industriale, si è dedicato nel tempo libero a ricerche storiche e allo studio di teniche costruttive aeronautiche.

È anche autore di:
– A. Fedrigoni, L’industria veneta della carta dalla seconda dominazione austriaca all’Unità d’Italia. Ricerca monografica promossa dall’Archivio Economicodell’Unificazione Italiana, Ed. Ilte, Torino, 1966.
– A. Fedrigoni, Il castello di Arbizzano: evoluzione storica dal Castrum alla residenza attuale. Ed. Ipertesto, Verona, 2011.
A. Fedrigoni, Tra le steppe del Don sulle tracce di un disperso. Ed. Officina Grafica Edizioni, Lugagnano di Sona (Verona), 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*