Tiro a Segno Nazionale & Officina Grafica Editoriale

copertina libro tiro a segno veronese

L’Unione Tiro a Segno Nazionale ci ha scelto per la stampa del volume celebrativo dei 150 anni di attività – e di vittorie – intitolato “150 anni di tiro a segno veronese”.
Nel volume è raccontata la storia del Circolo, delle vicessitudini e dei personaggi che hanno ruotato intorno all’Unione.
Dall’introduzione, con le parole del Cav. Uff. Gedeone Rinaldi:

“Il volo delle sue iniziative, largo e spaziante, incominciò a conoscere le maggiori altezze allorché ebbe il felice intuito di chiamare il giovane suo allievo Attilio Battistoni a reggere il posto di segretario del Sodalizio…”.
Mirabile intuito perché in breve volger di tempo il Battistoni divenne il grande apostolo del Tiro a Segno, il vanto dei tiratori veronesi ed il suo nome risuonava come risuona in ogni canto d’Italia ove vi sia un sodalizio di Tiro. In virtù degli insegnamenti del Rinaldi fino al settembre 1929 il Battistoni, chiamato dalla fiducia del Governo di S. E. Benito Mussolini, è asceso fra la massima soddisfazione d’Italia ad una delle più elevate ed ambite cariche, quella di Segretario Generale dell’Unione di Tiro a Segno Nazionale. Mai come dall’assunzione di Battistoni a tal posto, il Tiro a Segno ha avuto tanta considerazione di forza e prestigio in Italia e all’Estero quanta oggidì ne gode.
Per circa vent’anni Rinaldi e Battistoni sono stati l’ombra l’un dell’altro. È durante questo tempo che Gedeone Rinaldi affronta e risolve il problema di dotare Verona di un nuovo campo di Tiro e precisamente l’attuale che sorge fuori di Porta Catena presso all’Adige e al Forte Procolo e circondato da terra su cui passa l’aratro e ondeggia l’oro del grano.

Siamo onorati di aver potuto contribuire al compimento di questo progetto, realizzando un prodotto di elevatissima qualità editoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*